COOPERATIVA AGRICOLA BIANCOVISO

Categoria principale: NEWS

Siamo stati ospiti della Cooperativa Agricola Biancoviso, una realtà imprenditoriale nata dalla passione per le capre e dalla voglia di investire nel bellissimo territorio cuneese ai piedi del Monviso, da parte di Angelo Gautero e Giuliano Fino.

La Biancoviso nasce nel 2016, dopo l’apertura dell’allevamento biologico di Giuliano nel 2015 e la conversione in biologico dell’azienda di Angelo, allevatore di capre da oltre 40 anni.

Il loro obiettivo, fin da subito, è stato quello di portare il latte di capra biologico nella GDO (Grande Distribuzione Organizzata) italiana, riuscendo ad essere presenti oggi in tutti i punti vendita italiani di NaturaSì, Eataly e in oltre 5 catene del nord Italia.
Biancoviso però non produce solo latte fresco, ma anche latte UHT, budini e yogurt con marmellate di frutta prodotte anch’esse nella provincia di Cuneo.

La grande richiesta di questi prodotti da parte dei consumatori ha fatto sì che, nel 2019, la Biancoviso decidesse di acquistare un nuovo allevamento, sempre in provincia di Cuneo, dove oggi si contano circa 300 animali di razza Saanen e Camosciata.

In tutti gli allevamenti di proprietà si rispetta il regime biologico, ma in cosa consiste di preciso?

Giuliano “Ci sono due aspetti importanti a cui prestare attenzione: l’alimentazione e il libero movimento. Tutti gli alimenti che forniamo ai nostri animali devono essere acquistati da aziende certificate BIO. Ad oggi il fieno biologico viene lasciato a disposizione tutto il giorno, integrandolo con circa 3 etti di erba medica pellettata e 1,2kg di mangime.
Il mangime viene distribuito solitamente in mungitura, ma nell’allevamento di Revello (CN) abbiamo installato un robottino che parte in automatico otto volte al giorno, avvicinando il fieno alla mangiatoia e per due volte al giorno lascia cadere al suo passaggio anche il mangime. Facendo più somministrazioni di mangime durante il giorno ci assicuriamo un pH ruminale più stabile e quindi un miglior benessere animale”.



Angelo “Per quanto riguarda il movimento, oltre a rispettare le normative asl sul benessere animale, nell’allevamento biologico è obbligatorio avere un pascolo per i giovani animali e un paddock esterno per tutte le capre in lattazione.
Una puntualizzazione che vorrei fare è che siamo molto attenti al benessere animale, per questo grazie alla deroga, abbiamo deciso di decornare le nostre capre. La decornazione, a differenza di quanto molto spesso si crede, permette di avere molti meno danni alle mammelle, meno ferite e una maggior sicurezza per tutti gli addetti che lavorano con gli animali”.

Vivendo vicini al territorio di produzione della Robiola di Roccaverano DOP (Leggi l'articolo), Angelo e Giuliano da qualche anno gestiscono anche un allevamento dove tutto il latte viene conferito al caseificio adiacente alla loro azienda, per la produzione di questo formaggio DOP.

L’ultima loro iniziativa riguardo al latte di capra è stata la creazione della BV latte, un’azienda che acquista e commercializza latte di capra per i caseifici.

Giuliano “La BV latte è nata nel 2022, dopo che abbiamo capito l’esigenza dei caseifici di avere un riferimento per l’acquisto del latte di capra. Gli allevamenti sono molto sparsi sul territorio italiano e spesso anche molto distanti tra loro, inoltre non sempre riescono a garantire la fornitura annuale di latte, così abbiamo deciso di lavorare con i caseifici per aiutarli nel reperimento dei quantitativi di latte desiderati, in ogni momento dell’anno”.

Lo spirito imprenditoriale, la voglia di crescere, il coraggio di buttarsi in nuove sfide commerciali, fa della Biancoviso un’azienda molto interessante e dalla quale trarre molti spunti di miglioramento soprattutto sotto l’aspetto commerciale.

Per finire… se vi capitasse di passare a Ravello (CN) fermatevi all’Agriturismo Arezza, un gioiellino aperto da solo un mese, in mezzo ai mirtilleti dove assaporare i piatti della tradizione piemontese rivisti in chiave moderna e rilassarvi sotto il Monviso!

 

CONTATTI
https://biancoviso.it/
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.